Ha preso il via ieri la sperimentazione di un servizio shuttle a guida autonoma nel centro di Las Vegas che andrà avanti per due settimane. Viene effettuato con un mezzo in grado di ospitare 12 persone, conosciuto col nome di Arma, che offrirà passaggi gratis a residenti e turisti dalle dieci del mattino alle sei del pomeriggio lungo Freemont Street, in un tragitto compreso tra Las Vegas Boulevard e la Eight Street.

A guardarlo somiglia molto all’ovetto di Google, in realtà è stato realizzato da una società francese che si chiama Navya e può raggiungere la velocità massima di 27 miglia all’ora (circa 43 km/h), anche se in questa fase di sperimentazione non andrà oltre le 12 (quasi 20 km/h).

Per ora si tratta solo di una prova, ma il sindaco di Las Vegas Carolyn Goodman si è augurato di avere a disposizione una flotta di Arma già a partire dall’estate, o al più tardi in autunno. Per un servizio che costerà all’amministrazine 10 mila dollari al mese, ma verrebbe offerto gratuitamente ai cittadini residenti.

La Navya non è nuova a esperimenti del genere. Grazie alla partnership con Keolis, la più grande azienda di trasporti privati francese, fin dall’ottobre 2015 ha messo su strada shuttle di questo tipo a Parigi. Recentemente, poi, ha raccolto 34 milioni di dollari d’investimenti e progetta di espandersi. Per l’appunto, Las Vegas potrebbe essere la prima città degli Stati Uniti a mettere su strada ufficialmente questi mezzi.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dieselgate, patteggiamento da 4,3 miliardi di dollari per Vw negli Usa. Ma all’orizzonte forse ci sono nuovi guai

next
Articolo Successivo

Dieselgate, ecco perché quello di FCA negli Stati Uniti potrebbe non essere un (altro) caso isolato

next