Avvolti in una coperta per manifestare vicinanza ai bambini di Aleppo e della Siria. Con questo gesto simbolico, “di calore umano e protezione”, oggi l’Unicef ha chiamato a raccolta cittadini e volontari in una mobilitazione pubblica a Piazza del Popolo, a Roma. Con striscioni e bandiere azzurre, in occasione dell’odierno #Aleppoday, gli operatori hanno voluto “aprire un varco nell’indifferenza verso questo conflitto” e invitare tutta Italia a esporre sui balconi e sulle finestre una coperta.

Secondo i dati dell’Unicef, sarebbero almeno 3000 i bambini evacuati dai quartieri di Aleppo est, mentre altri 4000 sono intrappolati in quel che resta della città di cui molti orfani e senza famiglie, che hanno bisogno di aiuto immediato o rischiano la morte. “E’ una corsa contro il tempo”, ha detto il portavoce dell’Unicef Andrea Iacomini, “molti dei bambini non sono vaccinati”. Prima dell’assedio la copertura vaccinale era appena del 30%, poi crollata ulteriormente fino al termine dell’assedio. Iacomini sottolinea che “mentre l’evacuazione continua, notizie non confermate riportano di bambini e civili morti sui bus a causa del sovraffollamento di massa. Un fatto grave, orribile. Occorre vigilare perché certi fatti, se confermati, non si verifichino, sarebbe paradossale, disumano”.

Per questo, conclude il portavoce, “con queste coperte copriamo due volte i bambini: concretamente, perché hanno bisogno di riparo e vogliamo raccogliere fondi per portare loro aiuto, e simbolicamente”. Anche Roberto Mancini, ex calciatore ed allenatore di calcio, che con l’Unicef ha visitato il campo profughi di Zàatari, si è unito all’appello. “Se uno ha un pò di coscienza – ha detto l’ex calciatore – e vede le immagini di Aleppo, di questi bambini che muoiono, non può non far niente, anche un minimo sforzo”. Gli italiani, ha concluso, “hanno un cuore grande, bisogna fare qualcosa per questi bambini, che hanno freddo e vivono nelle lamiere”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Attentato Berlino, su Facebook il breve video postato da Anis Amri. Era a Berlino a fine settembre

prev
Articolo Successivo

Attentato Berlino, il passato in Italia di Anis Amri: dall’incendio al centro di accoglienza ai 4 anni in carcere

next