Vexata quaestio. Che preesiste persino alla sociologia, ai libri e alle riviste rosa, alla sessuologia, a Barbara D’Uso, alla pornografia, agli istituti di statistica righello in mano, all’invenzione della gioventù moderna, al post-femminismo, alla mistica del punto G, a Rocco Siffredi e a Real Time. Un argomento che non andrà mai in pensione, con cui brindare a ogni anno che verrà. Specie se in suo soccorso arriva la scienza, cristallizzando o meno il buonsenso e la saggezza popolare. Insomma, contano, e quanto, e in quale genere elettivo di corpo-a-corpo amoroso, le misure delle parti intime di un uomo? Risposta generale: assolutamente sì, contano eccome. Secondo uno studio realizzato dalla University of California e dalla University of New Mexico, squadernando a un campione di 75 donne tra i 18 e i 65 anni 33 modelli di pene in 3D in dimensioni diverse e con un materiale rigido, inodore, di plastica blu, queste propendono per un pene più grande, quando il partner è per una sola notte o quasi.

Le esigenze invece mutano per le relazioni a lungo termine. Il sesso puro e ginnico ha logiche e dinamiche consumistico-matematiche, “metri” che trascendono i romanticismi e le sublimazioni sentimentali. Alla richiesta di selezionare il modello di pene che meglio incarnasse la loro dimensione idilliaca in un partner senza scadenza, la risposta media è stata di 6,3 pollici (16cm) di lunghezza e 4,8 pollici (12,2cm) di circonferenza. Mentre per un rendez-vous di una notte e via, le partecipanti al test hanno indicato un modello più sostanzioso, di 6,4 pollici (16,3 cm) di lunghezza e 5 pollici (12,7 cm) di circonferenza.

Nel corso della ricerca, la più importante mai esperita sul tema “pene ideale”, lo psicologo sessuale Nicole Prause e un team di ricercatori hanno anche chiesto di compilare un questionario sulle loro esperienze sessuali pregresse. Qualcuna ha svelato di aver troncato una relazione pure a causa delle dimensioni del pene del proprio fidanzato o amante: per il 7%  delle intervistate, il membro maschile era “troppo grande” mentre un più agguerrito 20% ha confidato che era “troppo piccolo”. Ma quello che emerge è un quadro di aspettative superiore al triste stato anatomico delle cose, una pia illusione erotica insomma: in base a una panoramica planetaria risalente all’anno scorso, basata sul confronto di 15 mila falli, un pene in erezione misura mediamente 5,2 pollici (13.1cm) di lunghezza e 4,6 pollici (11,7 centimetri) di circonferenza. Tre centimetri abbondanti in meno dell’amore sognato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sex robot, quando le “bambole” del sesso possono causare guai

prev
Articolo Successivo

Il senso di Malena per il Natale: “We wish you a merry Christmas”, con viva e vibrante soddisfazione

next