“Il sindaco ha scelto di autosospendersi, ma è una decisione presa a caldo dopo aver letto della notizia. È una scelta non dovuta ma di alta sensibilità e va rispettata. Credo che non sia.una scelta dovuta. È passata solo una notte e bisogna avere calma e sangue freddo. Penso non ci siano precedenti in questo senso. Devo capire i termini delle sue riflessioni. Dobbiamo mantenere lucidità. Devo confrontarmi con tutti i capigruppo sia di opposizione che di maggioranza e credo che la vicesindaco prenderà il suo posto”. Queste le parole di Lamberto Bertolè, presidente del consiglio comunale di Milano, presente stamani alla giunta straordinaria che si è svolta a Palazzo Marino e voluta dal sindaco della città, Beppe Sala, per formalizzare la sua autosospensione dopo la notizia di essere iscritto nel registro degli indagati per l’inchiesta sugli appalti di Expo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Valeria Fedeli, il problema non è (solo) la laurea

next
Articolo Successivo

Chi è Raffaele Marra, il dirigente inossidabile: da uomo chiave di Alemanno a braccio destro della Raggi

next