“Diminuire il digital divide in Italia grazie a una rete 5G Ready“. Questo il pensiero di Alberto Calcagno, amministratore delegato di Fastweb, che oggi, in una conferenza stampa a Milano, ha annunciato il nuovo progetto dell’azienda italiana di telecomunizioni. “Come 17 anni fa abbiamo lanciato la fibra – continua Calcagno – oggi noi vogliamo lanciare lo sviluppo e la realizzazione di una nuova rete. Si sente molto parlare di 4G, quindi di mobile di quarta generazione, noi vogliamo lanciare la 5G: una tecnologia mobile che consente di sviluppare una velocità a 1 giga. E’ un passo ulteriore verso l’innovazione, alziamo sempre l’asticella della qualità”. Ritornando, invece, sulla diffusione della banda larga in Italia, l’Ad di Fastweb ha concluso: “Io mi aspetto in futuro un’Italia che corre nel mondo Ultra Broadband, mobile e fisso, in modo omogeneo in tutta la nazione e come tutte le altre nazioni europee”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Social network e identità digitale, quando il medium è l’utente

prev
Articolo Successivo

Facebook, foto e video ripubblicati in bacheca senza il consenso dell’utente: il nuovo bug

next