Matteo Renzi scarica il barile della questione dell’emendamento Taranto sul presidente della commissione Bilancio Francesco Boccia. “E’ stato il presidente della commissione che ha dichiarato inammissibile l’emendamento” che stanziava a questo fine 50 milioni”. Ma Boccia non ci sta e rimanda le accuse al mittente: “Taranto era tra le 10 priorità della commissione Bilancio, c’era emendamento e c’era l’ok di tutti. Quell’emendamento non ha avuto il benestare della Presidenza del Consiglio e di chi su quel tavolo rappresentava la presidenza del consilgio. Il tema politico è un altro. Era una priorità? Per me si, lo era anche per l’opposizione, lo era per il relatore, lo era per il Mef, è mancato l’ok di Palazzo Chigi e sarebbe sgradevole usare i cellulari per mostrare gli sms girati quella notte”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, Stabilità, Padoan sul Financial Times: “Banche? Casi noti e piani di aggiustamento avviati. Incertezza? Tornerà il sereno”

next
Articolo Successivo

Ilva, i 50 milioni tolti alla sanità e le ‘leggi notturne’ a danno dei cittadini

next