“È la prima volta che una manifestazione di migranti e richiedenti asilo viene ascoltata da un Prefetto, che ha deciso di parlare con una delegazione degli ospiti dell’Hub di Bresso”. Come raccontano i volontari dello sportello solidale rifugiati e migranti di Ri-male, spazio di mutuo soccorso a pochi passi dal centro militarizzato, la vera vittoria della protesta di giovedì pomeriggio di fronte alla Prefettura di Milano è stata quella di avere strappato al prefetto meneghino Alessandro Marangoni “la promessa che leggerà il dossier e verificherà tutti i punti che abbiamo scritto”, continua Marie Moise di Ri-make. Sono più di 500 i migranti che hanno partecipato al corteo: “Solidarietà” e “documenti”, le grida che si alzano dalla folla. Poi, ecco arrivare gli ospiti dell’Hub di Bresso: “La struttura è sovraffollata e le attese per ottenere i documenti troppo lunghe” (come avevamo raccontato in QUESTO VIDEO). Ma anche “docce fredde e servizi igienici non sufficienti“, continua Riccardo Tromba di Naga onlus sotto una pioggia incessante. Attorno a lui, una folla di migranti che urlano sotto le finestre della Prefettura. “Non ricordo di avere mai visto una manifestazione di questo tipo a Milano”, chiude Tromba

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Stepchild adoption, no del tribunale di Milano all’adozione incrociata di due bambine: “Non è prevista dalla legge”

prev
Articolo Successivo

Giornata contro la violenza sulle donne 2016: le iniziative in Italia. Boldrini: “Ecco gli insulti che ricevo su Facebook”

next