“Nella riunione su cui c’è l’iniziativa dell’Antimafia davanti a me c’era il sindaco di Agropoli, mio amico, che ha vinto con percentuali bulgare. Gli ho detto ‘porta a votare il tuo popolo, offrigli una frittura di pesce, portali a votare o sarai giudicato dal tuo popolo‘. La Commissione sta valutando il rapporto tra voto di scambio e frittura di alici…” dice il governatore Vincenzo De Luca commentando l’iniziativa dell’Antimafia sulla riunione dei sindaci. “Seguiremo la ricerca dell’Antimafia. La ricerca del capitone perduto”. “In maniera rispettosa seguiremo questa vicenda e anche con curiosità intellettuale” ha aggiunto il presidente della Giunta regionale campana parlando a LiraTv. De Luca ha spiegato la sua ricetta personale fino al 4 dicembre: “autocontrollo, espiazione, mortificazione della carne e dello spirito” dopo svelerà tutti i nomi dei querelati “nessuno escluso”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

De Luca, il governatore al contrattacco: “Polemiche? Strategia confusione M5S per il referendum”

prev
Articolo Successivo

M5s, nominato collegio dei probiviri: confermati Catalfo, Carinelli e Fraccaro

next