Un clima pre-referendum con “una strategia della confusione che non aiuta a ragionare pacatamente”: così Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, definisce le polemiche sul suo conto, passando al contrattacco: “In questa battaglia referendaria e nella strategia dell’aggressione, un ruolo attivo hanno giocato i 5 Stelle. Parlo a chi ha votato 5 Stelle non per convinzione ma per disgusto verso il Pd. A loro dico che la strategia in atto è per distrarre da cose imbarazzanti: a Luigino Di Maio chiedo, perché non posi i 13mila euro che prendi netti al mese? Perché non fate le persone serie,rispondete all’illegalità delle firme false? Sono domande imbarazzanti e semplici. Ho sfidato Di Maio a confronto sui temi, ancora aspetto dove, come e quando”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Roma, Raggi dà incarico a indagata per corruzione. Pd insorge, la replica: “Non ha dichiarato carichi pendenti”

prev
Articolo Successivo

De Luca ironizza sull’Antimafia: “Voto di scambio? La ricerca del capitone perduto”

next