A due settimane dal voto Pippo Civati ha riunito a Bologna i suoi per tirare la volata finale al No al referendum del prossimo 4 dicembre. Civati – che fu l’ideatore della prima Leopolda assieme all’allora sindaco di Firenze Matteo Renzi nel 2010 – ha messo in piedi una sorta di ‘contro-Leopolda’ concentrata in poche ore ma densa di ospiti: tra gli altri l’ex presidente Rai Roberto Zaccaria, il politologo Gianfranco Pasquino, l’erurodeputata Elly Schlein, la consigliera regionale emiliana Silvia Prodi, nipote dell’ex premier. Per il suo intervento Civati ha inscenato un’ospitata alla trasmissione di Fabio Fazio su Rai3, ‘Che tempo che fa’. “Siccome Fazio non lo invitava mai, abbiamo deciso di invitarlo noi per farci dire che tempo che fa”, ha ironizzato l’attore Giulio Cavalli. Con una cartina meteorologica alle spalle Civati ha parlato di questa campagna referendaria: “C’è una zona di addensamento clientelare in bassa Campania, intorno a Salerno”, ha detto il segretario di Possibile riferendosi alle parole dette dal presidente della Campania Vincenzo De Luca in una riunione sul referendum poi raccontata dal Fatto Quotidiano. E sempre sul presidente campano affonda: “Ci si dovrebbe dimettere per le parole dette su Rosy Bindi”. Infine Civati fa una previsione sul futuro del governo: dopo il 5 dicembre se vince il No ci sarà un governo di passaggio, “forse guidato dallo stesso Renzi”, anche se “Franceschini è al lavoro, e Delrio è pronto”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sicurezza a Milano, Alfano dà i numeri: “400 militari al mio insediamento, ora 650 e saliremo a 800”. E “stop” migranti

prev
Articolo Successivo

Renzi, l’ex presidente Rai Zaccaria: “In Tv visibilità abnorme: ricorso all’Agcom. Ecco cosa dice la legge”

next