Certo non deve essere stato piacevole per molti utenti Facebook che, loro malgrado, si sono trovati a sostenere una pagina apertamente favorevole al Sì rispetto al voto per il referendum costituzionale del 4 dicembre. E’ il caso di una pagina fan del giornalista, scrittore e conduttore tv Corrado Augias (vero sostenitore del Sì) su Facebook, trasformata da qualche settimana in una pagina di sostegno (non ufficiale) del Sì (dal nome Perché Sì, forse per scimmiottare al contrario il libro del direttore de Il Fatto Quotidiano Marco Travaglio Perché No).

percheyes

Sono centinaia i commenti di persone arrabbiate per l’operazione poco limpida e “scorretta”. Una pagina dormiente rispolverata per l’occasione. Ora toccherà avvertire Augias che molti suoi ammiratori potrebbero, per ripicca, votare No.

ma-chi

Se vogliono vincere la sfida referendaria con questi mezzucci la strada per il Sì è tutta in salita.

Ps: proprio in questi minuti la pagina è stata cancellata (ma rimangono le orme degli screenshoot).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Luca Lotti e la ‘cyber propaganda’, guai a criticare il governo. Si finisce in tribunale

next
Articolo Successivo

Rai: il fatturato scende, il personale sale

next