Show a Siracusa del premier Matteo Renzi, che per oltre un’ora ha parlato di riforme alla platea del teatro Vasquez lanciando dal palco gag sugli avversari politici. “Avete visto cosa abbiamo fatto con questo referendum, abbiamo messo insieme Silvio Berlusconi e Magistratura democratica, loro si volevano bene fin da piccoli e non lo sapevano, siamo stati più bravi di Maria De Filippi“.
Poi una piccola parentesi anche su Matteo Salvini. “E’ convinto di aver fatto vincere Trump. Lo vedo in tv ogni giorno dire: ‘In Ohio abbiamo vinto, Lega Nord per l’indipendenza dell’Ohio’. Hanno vinto tutto, Michigan, Pennsylvania, Gallarate e Cascina”.
Nel corso del suo intervento, il Premier non ha citato direttamente i suoi avversari all’interno del Pd, lasciando però intendere in alcuni passaggi chiari riferimenti a D’Alema e Bersani. “Lascio stare qualche autorevole statista del mio partito, non ne parliamo, anche perché qualcuno di questi se gli avessi dato una poltrona in Europa non avrebbero creato problemi”.
L’ultima stoccata, non poteva mancare, al Movimento 5 Stelle. Prima ha deriso gli errori di geografia di Di Maio sul post Pinochet-Venezuela, l’affitto dei musei Vaticani proposti da Beppe Grillo e i riferimenti a Di Battista sulla difesa della costituzione. Ma l’affondo più deciso è diretto al sindaco di Roma Virginia Raggi e alla recente polemica sui frigoriferi. “Aldo Biscardi ha rovinato una generazione con la teoria del complotto. Se ci sono i frigoriferi per la strada, non c’è un complotto di uno cattivo, ti sei scordata di fare il bando per il ritiro dei rifiuti ingombranti”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum, in treno col M5s da Ferrara a Bologna. La sicurezza a Di Battista: “E la scorta?”

prev
Articolo Successivo

Referendum, il veto al bilancio europeo? È finto: Renzi vuole recuperare i voti degli anti-Ue

next