L’importante è avere un piano“: questo il titolo del nuovo programma che Stefano Bollani condurrà in seconda serata su RaiUno, a partire da 10 novembre. Dopo l’esperienza su RaiTre con Sostiene Bollani, il musicista si prepara a una nuova esperienza televisiva, stavolta ancora più “in grande”. Un late show, anzi una jam session. Piano al centro del palco, nessuna intervista ma chiacchiere e improvvisazione. Senza dubbio qualcosa di diametralmente opposto rispetto ai talent, un altro modo di portare la musica in tv: “Non li guardo perché c’è una competizione. Ogni tanto qualcuno per alleggerire la chiama “sana competizione” ma non esiste la sana competizione. Esiste solo una competizione che porta a una contrapposizione, che porta prima o poi a una guerra, o vinco io o vinci tu. Il contrario di questo programma dove tutti vengono a divertirsi e non sono giudicati”

 

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Elezioni Usa 2016, gli ascolti degli speciali tv: vince Vespa ma #MaratonaMentana sbanca su Twitter (a livello mondiale)

prev
Articolo Successivo

X Factor 2016, le pagelle di Michele Monina e della figlia Lucia: “Cattelan sottotono. Che si sia stufato?” “Potrebbe fare molto meglio”

next