L’importante è avere un piano“: questo il titolo del nuovo programma che Stefano Bollani condurrà in seconda serata su RaiUno, a partire da 10 novembre. Dopo l’esperienza su RaiTre con Sostiene Bollani, il musicista si prepara a una nuova esperienza televisiva, stavolta ancora più “in grande”. Un late show, anzi una jam session. Piano al centro del palco, nessuna intervista ma chiacchiere e improvvisazione. Senza dubbio qualcosa di diametralmente opposto rispetto ai talent, un altro modo di portare la musica in tv: “Non li guardo perché c’è una competizione. Ogni tanto qualcuno per alleggerire la chiama “sana competizione” ma non esiste la sana competizione. Esiste solo una competizione che porta a una contrapposizione, che porta prima o poi a una guerra, o vinco io o vinci tu. Il contrario di questo programma dove tutti vengono a divertirsi e non sono giudicati”

 

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Elezioni Usa 2016, gli ascolti degli speciali tv: vince Vespa ma #MaratonaMentana sbanca su Twitter (a livello mondiale)

next
Articolo Successivo

X Factor 2016, le pagelle di Michele Monina e della figlia Lucia: “Cattelan sottotono. Che si sia stufato?” “Potrebbe fare molto meglio”

next