3. In democrazia i cittadini possono battere i poteri forti

Vip, economisti, banche, giornali, opinionisti, l’Onu, altri capi di Stato e tutto l’establishment mondiale hanno fatto una campagna sfrenata per la Clinton. Ma se una democrazia funziona e il voto non è manipolato, i cittadini possono vincere contro i poteri forti. Questo dispiegamento di forze al servizio di Hillary ha solo fatto un servizio allo storytelling di Trump, permettendogli, seppur milionario, di passare come uomo del popolo contro i poteri forti. Perché più forti di lui.

Siamo in una stagione in cui in tutto il mondo c’è sfiducia nei poteri. E’ l’effetto della crisi del 2007. Da quel giorno i cittadini hanno capito che i leader, al contrario dell’essere infallibili, sono spesso degli incapaci e che tutto ciò che i cittadini hanno dipende dai propri sforzi. Le ferite della crisi sono ancora fresche, e così lo è anche questo sentimento. Oggi l’antipolitica vince sempre contro il Palazzo.

Un’ultima cosa importante. Gli stessi tromboni che dicevano che la Clinton e la sua campagna stavano facendo a pezzi Trump, ora diranno che il nuovo Presidente è un dittatore e che il mondo è in pericolo. In campagna elettorale, se hai meno budget del tuo avversario, devi essere esagerato se vuoi fare notizia. E’ così che scali la catena mediatica e finisci sui giornali e le tv di tutto il mondo con le tue dichiarazioni.

Quindi, se siete spaventati dalle uscite di Trump e temete possa essere un dittatore, state tranquilli. Ora che ha conquistato la Casa Bianca, Trump si accentrerà sempre di più, moderandosi. Ora è il Presidente degli Stati Uniti, non ha bisogno di dichiarazioni choc per fare notizia.

INDIETRO

Elezioni Usa 2016, le tre lezioni di comunicazione che ci ha dato Trump

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Donald Trump presidente, esultano le destre europee: da Alba Dorata a Le Pen Salvini: “Preparo la squadra di governo”

prev
Articolo Successivo

Cannabis legalizzata in 8 Stati Usa: dalla California alla Florida. In 4 per finalità mediche, negli altri per “scopi ricreativi”

next