Rondolino attacca Bersani su Twitter. Gli utenti del social network protestano. E Staino dà loro ragione. Qual è la notizia? Che il giornalista scrive per l’Unità, giornale di cui è direttore il vignettista (con il deputato Pd Andrea Romano). E la diatriba, successivamente continuata sempre su Twitter, porta alla luce i rapporti per così dire non idilliaci tra la versione cartacea e quella online del quotidiano fondato da Gramsci. I fatti, anzi i cinguettii. “A chi si lamenta delle volgarità di @frondolino: sono d’accordo con voi. Non a caso io dirigo solo l’Unità cartacea e non il sito” ha scritto Sergio Staino per prendere le distanze dai post di Rondolino. La colpa del giornalista? Aver definito Bersani “un uomo squallido, privo di principi, intimamente vigliacco” che “aveva detto di non voler fare campagna per il No e invece la fa”. Una volta lette le parole del suo direttore, Rondolino ha pensato bene di rispondere, sempre su Twitter: “Caro direttore, ti informo che scrivo regolarmente sull’Unità cartacea“. Non si è fatta attendere la controreplica di Staino. “Mi piacerebbe che tu ci scrivessi ancora ma come faccio con quei tweet che fai?”. E Rondolino, ancora: “Caro direttore, farò tesoro della tua amichevole rimostranza e dei rimbrotti di mia moglie”.

Caso chiuso? Macché. Perché il botta e risposta tra i due ha messo nero su bianco il dualismo tra giornale di carta e sito (che ha maggiore licenza di attacco) e i malumori che questo sta generando in redazione. Anche perché – hanno spiegato all’Ansa i cronisti dell’Unità – le cause per gli articoli sul web, che non è registrato come testata ma come blog e non dovrebbe ricadere sotto la responsabilità della direzione, vengono comunque indirizzate ai vertici del quotidiano. Per questo motivo, il comitato di redazione ha dato mandato all’avvocato Bruno Del Vecchio di valutare “l’eventuale illegittimità di alcuni comportamenti assunti dall’azienda” in relazione “alla gestione del sito Unita.tv“, oltre che alla “mancata corresponsione di alcune voci stipendiali”, come l’indennità redazionale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

C'era una volta la Sinistra

di Antonio Padellaro e Silvia Truzzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Tiziana Cantone, perché obbligare Facebook a rimuovere contenuti è rivoluzionario

next
Articolo Successivo

Facebook del Fatto Quotidiano, tagliato il traguardo dei 2 milioni di fan. Ma non ci fermiamo: ecco i nostri numeri

next