Rondolino attacca Bersani su Twitter. Gli utenti del social network protestano. E Staino dà loro ragione. Qual è la notizia? Che il giornalista scrive per l’Unità, giornale di cui è direttore il vignettista (con il deputato Pd Andrea Romano). E la diatriba, successivamente continuata sempre su Twitter, porta alla luce i rapporti per così dire non idilliaci tra la versione cartacea e quella online del quotidiano fondato da Gramsci. I fatti, anzi i cinguettii. “A chi si lamenta delle volgarità di @frondolino: sono d’accordo con voi. Non a caso io dirigo solo l’Unità cartacea e non il sito” ha scritto Sergio Staino per prendere le distanze dai post di Rondolino. La colpa del giornalista? Aver definito Bersani “un uomo squallido, privo di principi, intimamente vigliacco” che “aveva detto di non voler fare campagna per il No e invece la fa”. Una volta lette le parole del suo direttore, Rondolino ha pensato bene di rispondere, sempre su Twitter: “Caro direttore, ti informo che scrivo regolarmente sull’Unità cartacea“. Non si è fatta attendere la controreplica di Staino. “Mi piacerebbe che tu ci scrivessi ancora ma come faccio con quei tweet che fai?”. E Rondolino, ancora: “Caro direttore, farò tesoro della tua amichevole rimostranza e dei rimbrotti di mia moglie”.

Caso chiuso? Macché. Perché il botta e risposta tra i due ha messo nero su bianco il dualismo tra giornale di carta e sito (che ha maggiore licenza di attacco) e i malumori che questo sta generando in redazione. Anche perché – hanno spiegato all’Ansa i cronisti dell’Unità – le cause per gli articoli sul web, che non è registrato come testata ma come blog e non dovrebbe ricadere sotto la responsabilità della direzione, vengono comunque indirizzate ai vertici del quotidiano. Per questo motivo, il comitato di redazione ha dato mandato all’avvocato Bruno Del Vecchio di valutare “l’eventuale illegittimità di alcuni comportamenti assunti dall’azienda” in relazione “alla gestione del sito Unita.tv“, oltre che alla “mancata corresponsione di alcune voci stipendiali”, come l’indennità redazionale.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Tiziana Cantone, perché obbligare Facebook a rimuovere contenuti è rivoluzionario

prev
Articolo Successivo

Facebook del Fatto Quotidiano, tagliato il traguardo dei 2 milioni di fan. Ma non ci fermiamo: ecco i nostri numeri

next