Sul fondo del Golfo del Messico è stato scoperto un lago le cui acque risultano letali per la maggior parte della fauna acquatica, ma anche per l’uomo. A rivelarlo è il biologo americano Erik Cordeun in un articolo pubblicato sulla rivista ‘Oceanography. In pratica, si tratta di  una piscina situata sul fondo dell’oceano con concentrazioni di sale 5 volte superiori a quelle dell’acqua circostante. Trovate  anche alte concentrazioni di metano e solfuro di idrogeno, che risultano essere estremamente tossiche per qualunque animale osi nuotare in quelle acque. Gli unici a sopravvivere sono i batteri, alcune specie di gamberi e i vermi tubi giganti. Nel filmato, girato da EVNautilus, è possibile vedere numerose carcasse di granchi che hanno avuto la sfortuna di addentrarsi in quelle acque

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sbandati, un mare di tristezza senza capo né coda. E il cast sbagliato

next
Articolo Successivo

“Firenze 66 – Dopo l’alluvione”. Il documentario di Sky Arte a 50 anni dall’evento che sconvolse la città

next