“Noi facciamo la manovra diagonale”. Quando il ministro dell’Interno Angelino Alfano fa l’annuncio parlando ad Agorà il conduttore Gerardo Greco strabuzza gli occhi. E anche i telespettatori: sono le dieci del mattino, speriamo che i bambini non guardino. Siamo in fascia protetta.

Poi arriva la “spiegazione”: non è vero – giura e spergiura il ministro – che questa è una manovra elettorale. Non è vero che daremo soldi a pioggia.
Poi elenca chi beneficerà del provvedimento: classe media, ma anche poveri. Vecchi, ma anche giovani. Imprese, ma anche pubblici dipendenti. Alti, ma pure bassi. Grassi e magri. Giocatori di pelota e amanti della canasta.

Manovra di destra e di sinistra, ma pure di centro, garantisce Alfano.

Appunto, una manovra elettorale…

No, restano esclusi i possessori di procioni.

Alfano fa “la manovra diagonale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Virginia Raggi in ritiro con maggioranza M5s: “Debutto complicato? Valutazioni sbagliate su alcune persone”

prev
Articolo Successivo

Def, Peter Gomez vs Renzi: “Entrare nel merito della manovra? Giusto, peccato che non conosciamo le singole misure”

next