Referendum? Il vero quesito è quello tradotto oggi da Il Fatto Quotidiano. Avrebbero dovuto scrivere quello sulla scheda, non la favoletta che mira esclusivamente ad avere un sì inconsapevole”. Sono le parole pronunciate ai microfoni di Ecg Regione (Radio Cusano Campus) dalla senatrice M5s, Paola Taverna, che sottolinea: “Spero che gli italiani non si facciano ulteriormente prendere in giro. Ormai Renzi è stato sgamato, di lui non ci si può fidare. E se non ti puoi fidare neanche della domanda, la risposta è ovvia: voti NO e vai sul sicuro“. E aggiunge: “Ormai ci manca che Renzi, per far vincere il SI’, prometta di mettere in Costituzione la resurrezione per tutti. Questo ormai dice qualsiasi cosa. Ma è il suo partito che ama farsi prendere in giro, vedi la promessa di modifica dell’Italicum dopo il referendum. La stessa minoranza dem è credibile quanto il segretario del Pd. Io faccio sempre questo esempio” – continua – “E’ come quando vai dal medico per dimagrire. Renzi è come il medico che ti suggerisce di tagliarti un braccio per perdere peso. Perdereste 10 kg facendovi tagliare un braccio? Questi stanno facendo così: volete risparmiare 50 milioni di costi sulla politica? E la gente risponde sì, così da farsi togliere un pezzo di democrazia”. Taverna, infine, si dichiara scettica su un faccia a faccia tra Grillo e Renzi prima del voto referendario: “Non lo so, ma più che a Grillo penso a un Di Battista o a un Morra o un Toninelli. I confronti non ci spaventano”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giulio Regeni, lo striscione e il dente cariato del sindaco

prev
Articolo Successivo

Caso firme M5s Palermo, Procura riapre inchiesta. Grillo: “Noi parte lesa. Chi sa parli”

next