Un medico, un farmacista, un ingegnere biomedico e anche un avvocato. Sei camici bianchi che proponevano a persone malate di patologie degenerative come Sla, sclerosi multipla, artrite reumatoide e morbo di Parkinson, terapie spacciate come miracolose e alternative alla medicina tradizionale (un protocollo denominato Seven to stand), ma risultate prive di validità scientifica. Sono stati arrestati dalla polizia di Terni e l’autorità giudiziaria ha contestato agli indagati l’associazione a delinquere finalizzata alla truffa smantellata. Cinque le ordinanze di custodia cautelare in carcere, mentre per una sesta persona il gip ha disposto gli arresti domiciliari.

In carcere sono finiti un avvocato, ritenuto ideatore e capo del gruppo che aveva fondato l’associazione denominata “Università popolare Homo&Natura”, un farmacista di Rieti, il quale avrebbe preparato materialmente i farmaci anche con sostanze provenienti dalla Cina, una fisioterapista impegnata nel centro estetico “Forme di bellezza” di Terni e che forniva indicazioni sull’assunzione dei farmaci, un medico odontostomatologo direttore sanitario della stessa struttura nella quale veniva applicato il protocollo, e un ingegnere biomedico che si occupava del rifornimento dei farmaci e della divulgazione del programma terapeutico, prevalentemente su internet. Ai domiciliari invece un collaboratore del centro estetico. Almeno 240 i malati che sarebbero finiti nella rete del gruppo, secondo quanto accertato finora dalla polizia coordinata dalla procura di Terni, ai quali venivano chiesti tra 2 e 4mila euro. Gli investigatori hanno però precisato che nessun malato risulta finora trattato nel centro estetico dove – in base agli accertamenti – veniva applicato il protocollo. Le indagini sono comunque ancora in corso.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Napoli, ladri rubano in chiesa le offerte dei fedeli per San Gennaro. Colpo da 13mila euro

next
Articolo Successivo

Trieste, pediatra affetta da tubercolosi: test precauzionali su 3.490 bambini

next