Neonati in scatole di cartone. È l’ultima fotografia, dopo quelle delle file interminabili per il cibo e di Caracas in tilt per lo sciopero degli autisti, che arriva dal Venezuela stremato dalla crisi. Un medico venezuelano, Manuel Ferreira Guzman, ha pubblicato sul suo account Twitter le immagini dei piccoli che dormono tranquilli dentro le confezioni che contenevano medicinali riciclate come culle.

Le foto sono state scattate nel reparto maternità dell’ospedale Domingo Guzman Lander, nello stato di Anzoategui nel nord est del Paese e il medico come didascalia ha aggiunto una parafrasi del testo di una famosa canzone di Ali Primera, celebre cantautore impegnato “che triste come arrivano i bimbi nelle loro culle di cartone”. Le immagini mostrano i bambini dentro a cartoni di una marca locale di farmaci, allineati su un tavolo dell’ospedale ed identificati con un foglio di carta attaccato con dello scotch. L’immagine è rapidamente diventata virale e poche ore dopo la sua diffusione, come racconta lo stesso medico, i responsabili dell’ospedale hanno proceduto a sostituire le scatole di cartone con vere culle.

La mia denuncia almeno è servita a fare accomodare un po meglio quei bebè”, ha commentato Guzman. Il Paese sta soffrendo una grave crisi provocata anche dalla caduta dei prezzi del petrolio: mancano cibo, molti venezuelani vanno in Colombia a comprare i generi di prima necessità, e farmaci. L’inflazione è salita di il 180% nel 2015.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, recuperati 162 corpi in mare dopo il naufragio al largo dell’Egitto

next
Articolo Successivo

Corea del Sud, il piano per eliminare Kim Jong-un. “Abbiamo intenzione di usare missili di precisione”

next