In tv ci sono carriere strane. Sembrano finite, o quantomeno “spompate”, per colpa di scelte sbagliate o semplicemente di nuovi gusti del pubblico che relegano ai margini protagonisti di un tempo. Poi succede qualcosa, un colpo di fortuna, una coincidenza, una congiunzione astrale-catodica che rilancia quello che sembrava morto e sepolto e comincia una nuova primavera. È quello che è successo ad Amadeus, conduttore televisivo che circa 10 anni fa sembrava finito e che adesso sta vivendo una inattesa fase d’oro della sua carriera.
Nel 2006, dopo anni di successi all’Eredità (che ha ideato e lanciato nel preserale di RaiUno), al Nostro succede qualcosa. I rapporti con Mamma Rai si deteriorano sempre più e, sfruttando l’onda lunga di un periodo positivo, cerca di correre ai ripari passando a Mediaset a suon di quattrini. A Cologno, però, Amadeus non è fortunato. Due anni difficili, tra (pochi) alti e (molti) bassi, con programmi chiusi anzitempo per bassi ascolti e la consapevolezza di aver fatto forse una scemenza.

Che si fa? Si prova a rientrare in Rai, ovviamente. Ma se lasci l’azienda pubblica per seguire le sirene di Mediaset e poi torni a capo chino da mammà, mammà ti può anche perdonare e riaccogliere, ma alle sue condizioni. Amadeus ricomincia da capo, deve dimenticare i successi di un tempo, perché nel frattempo l’Eredità è diventata il regno di un sempre più potente Carlo Conti e gli spazi a viale Mazzini sono stretti come la cruna di un ago. Amadeus sa che non ha alternative e si adegua. Approda alla corte di Michele Guardì, presentando Mezzogiorno in Famiglia con Laura Barriales e Sergio Friscia. Il programma è sempre lo stesso da anni, ha un target preciso, non è certo luogo per sperimentazioni o momenti di particolare originalità. Ma Amadeus sa fare il proprio lavoro e si adegua. Ricostruisce pezzetto dopo pezzetto una carriera che sembrava bruscamente crollata dopo anni di gavetta e il successo raggiungo con merito. La svolta, dopo quattro edizioni di Mezzogiorno in famiglia, arriva nella stagione televisiva 2014/2015. Amadeus rimane al timone di Mezzogiorno in famiglia, ma approda a Tale & Quale Show come concorrente. Il programma di successo di Carlo Conti negli ultimi anni si è dimostrato un ottimo trampolino di lancio per cavalli di razza in difficoltà e forse Amadeus sperava di poterne approfittare. È andata proprio così, in effetti: le sue imitazioni forse non erano accuratissime, ma il conduttore si è messo in gioco davvero, ha divertito il pubblico (leggendaria l’esibizione nei panni di Sandy Marton) e ha riconquistato un successo ampio, da RaiUno.

Forse Amadeus era convinto di dover restare parcheggiato in eterno a Mezzogiorno in Famiglia, a presentare vita natural durante i soliti giochini tra città che si ripetono ormai da millenni nel programma di Michele Guardì. E invece la partecipazione a Tale & Quale cambia tutto: l’estate 2014 lo vede alla conduzione del preserale di RaiUno con Reazione a Catena, pur senza mollare Mezzogiorno in Famiglia durante la stagione successiva. Ma qualcosa è cambiato: Amadeus è rinato. Il suggello arriva con Stasera tutto è possibile, nuovo show di prima serata su RaiDue, che nella stagione 2015/2016 ottiene un successo insperato. I tempi sono maturi per lasciare Mezzogiorno in famiglia. E l’estate 2016 è di nuovo nel segno di Reazione a catena. Un successo clamoroso, di pubblico e di critica, che consacra (di nuovo) Amadeus tra l’Olimpo dei conduttori di tv. La rincorsa è finita, la rimonta è conclusa. Amadeus sembrava fuori dai giri che contano, a causa di rapporti tesi con la Rai dell’epoca, del passaggio sciagurato (ma forse obbligato) a Mediaset. Qualcuno lo considerava già finito, soprattutto a causa di un linguaggio televisivo che si credeva distante dai nuovi gusti del pubblico. E invece Amadeus è sempre stato il classico “grande professionista”. È garbato, efficace, spontaneo, divertente. È “classico” senza diventare mai noioso o stantio. E la cosa più importante è che oggi deve ringraziare solo se stesso se è riuscito a rinascere dalle ceneri. In pochi avrebbero scommesso sul suo ritorno in grande stile, eppure oggi Amadeus è, potentissimo Carlo Conti a parte, il conduttore più in auge dalle parti di Mamma Rai. E si tratta di una bella notizia, perché è la prova che ogni tanto il merito, l’educazione, la genuinità possono essere premiate persino a viale Mazzini.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Grande Fratello Vip, come un biscotto rinsecchito e senza sapore servito dalla vecchia zia: immangiabile

next
Articolo Successivo

Gianluca Vacchi a Matrix: il re del cafonal porta in tv la sua filosofia tutta “enjoy” e “carpe diem” (con simpatia)

next