Virginia Raggi? Pare selezionata da un algoritmo, come tutti i grillini“. Così l’architetto romano Massimiliano Fuksas, ai microfoni de La Zanzara (Radio24), attacca la giunta capitolina pentastellata e il M5S in generale. “I grillini sembrano tutti uguali” – continua – “sono tutti della stessa categoria. Ci deve essere un algoritmo facile da progettare per uno che fa informatica come Casaleggio. Selezionano un tipo, giovane, che fa pochi studi. Prendete Di Maio, sembrava che dovesse diventare il presidente del mondo. Uno che va vestito da Prima Comunione. Lui prima ha provato a fare Ingegneria e poi Legge. E ha abbandonato. E’ gente che vive in un altro mondo“. E rincara: “Vengono tutti da quartieri popolari orientati a destra, per esempio l’Appio Latino. Vedi la Raggi, che conosce tutti quelli di destra e ha frequentato gli avvocati Previti e Sammarco“. Circa il referendum costituzionale, Fuksas afferma: “Mi tengo Matteo Renzi, se l’alternativa è Di Maio. Ho paura che, se Renzi se ne va, le cose possano precipitare“. Nel finale, attacco al critico d’arte Vittorio Sgarbi, col quale l’architetto ha una causa di diffamazione. “Sgarbi mi diede de ladro. Ma lui è un truffatore e un pregiudicato. E’ uno che ha rubato i soldi allo Stato, è stato condannato e dunque il primo che deve stare zitto è lui”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Federico Pizzarotti: “Ora chiedo reintegro nel M5s. Il direttorio venga a Parma”

next
Articolo Successivo

Carlo Azeglio Ciampi morto a 95 anni. Dalla Banca d’Italia al Quirinale: fece riscoprire l’orgoglio per l’inno e il Tricolore

next