L’ex premier Massimo D’Alema ha partecipato ieri sera a un dibattito organizzato alla festa de l’Unità a Milano. L’ex segretario dei Ds ha esordito sul palco lanciando una seccata risposta al presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che lo aveva accusato di essere innamorato di Berlusconi. “Alle battute ripetute di un giovane così creativo come il presidente del Consiglio non si risponde perché alle sciocchezze non si risponde”. Subito dopo aver attaccato Renzi, D’Alema è stato contestato da alcune persone sedute in sala. “È il segretario del tuo partito, ricordalo. Ha vinto il congresso e tu vieni dal Pci come me, ci vuole disciplina nel partito”. D’Alema ha poi immediatamente risposto alle accuse: “Io sono cresciuto nel Partito comunista dove la disciplina era ferrea. Ma anche Togliatti accettava chi non era d’accordo con lui e prendeva atto della libertà di coscienza” (Francesco Marotta/alaNEWS)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Alcamo, polemica su giunta M5s: “Aumento stipendi del 5%”. Sindaco: “Falso, ad oggi mai preso un euro”

next
Articolo Successivo

M5S, non sarà che Virginia li tiene tutti per i gingilli?

next