“Sappiamo che in procura c’è un fascicolo che riguarda Paola Muraro”. Così inizia il videomessaggio della sindaca di Roma Virginia Raggi pubblicato sul blog di Beppe Grillo in cui difende il suo assessore all’Ambiente al centro di un’inchiesta della magistratura. E la prima cittadina fa quadrato intorno a lei: “Saranno i pm che dovranno decidere se ci sono elementi di reato o no. Non i partiti né tantomeno i giornali. Nel frattempo l’assessore continuerà a lavorare per pulire questa città”. Non una parola sul fatto che sia lei, sia l’esponente del direttorio Luigi Di Maio, fossero a conoscenza delle indagini senza dire niente all’opinione pubblica

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

M5s a Roma, perché stavolta sto con la Raggi e coi Cinque Stelle

prev
Articolo Successivo

Federico Pizzarotti sfida il direttorio M5s. Su Parma: “Lista civica? Ci sto pensando”

next