“E’ probabile il referendum costituzionale si svolga tra la fine di novembre e i primi di dicembre anche se la data verrà decisa dal consiglio dei ministri”. Lo ha dichiarato ieri sera il ministro delle riforme Maria Elena Boschi ospite alla Festa dell’Unità di Torino. “Non credo che sia giusto paragonare Brexit con il referendum costituzionale, ma dobbiamo essere consapevoli dell’opportunità che perdiamo dicendo no. Io sento alcuni nuovi riforme costituzionali nel giro di sei mesi se vince il no, ma ho qualche dubbio perché non bastano sei mesi per avere un’altra riforma”. La Boschi ha poi bacchettato il ministro Beatrice Lorenzin per la campagna Fertility Day: “Ci siamo sentite negli scorsi giorni e credo che abbia sbagliato la campagna di comunicazione e abbia fatto bene a tornare indietro”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Riforme, Barca (Pd): “Non ho ancora deciso cosa votare al referendum”. E scatta la contestazione

next
Articolo Successivo

Referendum, il voto slitta ancora: alle urne tra fine novembre e inizio dicembre E D’Alema raduna i “dem per il No”

next