Culi, culi ovunque. Pare che la moda dell’estate (se ne è accorto anche il Corriere) sia quella di pubblicare scatti che mostrano il lato B, ovviamente impeccabile, sodo e alto, delle celebrities. Kim Kardashian, che già in tempi non sospetti aveva puntato tutto sul suo generoso deretano, è una delle vip che stanno contribuendo a rendere virale questa abitudine fotografica, così come la sorella Kylie Jenner o Emily Ratajkowski. Tutta gente, insomma, famosa per essere famosa, e che quindi ha bisogno di queste tendenze fotografico-anatomiche per continuare a far parlare di sé.

L’ossessione per il culo non è certo una novità. Da Tinto Brass in giù, il sedere è sempre stato oggetto di culto, ovviamente dal punto di vista erotico ma anche più semplicemente estetico. Dalle nostre parti abbiamo sempre preferito i sederi abbondati, i fianchi larghi mediterranei, quelli che secondo la tradizione erano più adatti alla procreazione. Ecco perché, nel corso dei decenni, ci siamo innamorati di gente come Anita Ekberg o Valeria Marini (il lento ma inesorabile declino occidentale). E oggi? Oggi sembra essere diverso, oggi seguiamo altri modelli estetici, preferiamo i culetti a mandolino, i sederi sodi, alti ma non eccessivamente abbondanti.

Anche se, in effetti, i culi più chiacchierati del mondo sono sempre quelli ingombranti. Basti pensare alla già citata Kim Kardashian o alla cantante Nicki Minaj, che ha persino optato per una serie di interventi chirurgici pur di trasformare il suo già ricco lato B in una sorta di attico terrazzato. Nell’epoca del corpo fai da te, basta fare una visitina dal chirurgo plastico per modellare il sedere come più ci aggrada. Possiamo limitarci a iniezioni di acido ialuronico o di grasso sui glutei, oppure, se vogliamo una soluzione drastica e permanente, c’è sempre la possibilità di inserire sulle nostre adorate chiappe delle protesi voluminose delle dimensioni che più ci aggradano. L’ossessione per il culo sta soppiantando quella per il seno, che fino a pochissimo tempo fa regnava incontrastata.

E in fondo il deretano è quello che mette d’accordo tutti: uomini e donne, etero e gay. Tutti abbiamo bisogno di un bel sedere per accendere le nostre fantasie. Il problema, però, è che la moda di fotografarselo e sbatterlo in bella mostra sui social rischia di rovinare la poesia che solo un bel sedere può ispirare. Perché un conto è Emily Ratajkowski, bella e sexy, un altro è la vicina di ombrellone, impiegata al catasto, che non ha mai messo piede in palestra né in uno studio di un chirurgo estetico. E lo stesso vale per chi un bel culo, magari, ce l’ha ma non è una star di fama internazionale: mostrare il culo per qualche cuore su Instagram non farà di voi Kim Kardashian. Spiace, ma certe cose vanno dette.“Dove c’è gusto non c’è perdenza”, per carità, ma il culo è una cosa seria. Rispettiamolo.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chris Brown, l’ex fidanzato di Rihanna minaccia una donna con una pistola: arrestato

next
Articolo Successivo

Leonardo DiCaprio, l’accusa dell’Fbi: “Coinvolto nello scandalo finanziario del fondo malese”

next