Alessandro Pace, emerito di Diritto costituzionale all’Università La Sapienza di Roma e presidente del Comitato per il No, spiega la sua contrarietà alla riforma Boschi-Renzi. “La riforma creerà confusione nel rapporto tra Stato e Regioni”, spiega il costituzionalista. Che precisa: “Ci sono competenze tipiche della materia territoriale che passano allo Stato. Alcune in modo esclusivo nonostante la riforma stabilisca che lo Stato si limiterà a dettare i principi generali. E l’attuazione?”. Nei prossimi video, “il rapporto squilibrato Stato-Regioni”, “la forma di governo del premierato assoluto” e “l’inesistente semplificazione del procedimento legislativo”. Video di Amely Video

#1 video – “La riforma è un azzardo, ecco perché”
#2 video – “Perché violano la sovranità popolare”
#3 video – “Senato delle Autonomie? Falso”

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti.

Ma anche essere parte attiva di una comunità con idee, testimonianze e partecipazione. Sostienici ora.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, Stiglitz: “Renzi lo cancelli, potrebbe essere l’evento catastrofico che fa collassare l’Eurozona”

next
Articolo Successivo

Referendum costituzionale, l’Anpi sarà alla festa dell’Unità di Bologna

next