Alessandro Pace, emerito di Diritto costituzionale all’Università La Sapienza di Roma e presidente del Comitato per il No, spiega la sua contrarietà alla riforma Boschi-Renzi. “La riforma creerà confusione nel rapporto tra Stato e Regioni”, spiega il costituzionalista. Che precisa: “Ci sono competenze tipiche della materia territoriale che passano allo Stato. Alcune in modo esclusivo nonostante la riforma stabilisca che lo Stato si limiterà a dettare i principi generali. E l’attuazione?”. Nei prossimi video, “il rapporto squilibrato Stato-Regioni”, “la forma di governo del premierato assoluto” e “l’inesistente semplificazione del procedimento legislativo”. Video di Amely Video

#1 video – “La riforma è un azzardo, ecco perché”
#2 video – “Perché violano la sovranità popolare”
#3 video – “Senato delle Autonomie? Falso”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Referendum, Stiglitz: “Renzi lo cancelli, potrebbe essere l’evento catastrofico che fa collassare l’Eurozona”

next
Articolo Successivo

Referendum costituzionale, l’Anpi sarà alla festa dell’Unità di Bologna

next