Ed Sheeran è stato accusato di plagio: “Thinking Out Loud“, una delle sue canzoni di maggior successo, sarebbe stata copiata dal brano “Let’s Get it On” di Marvin Gaye. Le accuse sono state lanciate direttamente dalla famiglia del paroliere Townsned, che scrisse il testo del brano uscito nel 1973. Il cantante britannico sarebbe anche “accusato” di aver “continuato a esibirsi con Thinking Out Loud” nonostante fosse stato informato della presunta violazione del copyright. La famiglia del paroliere ha intenzione di andare a processo per chiedere un risarcimento danni, coinvolgendo anche la co-autrice del brano di Sheeran, Amy Wadge, il produttore Jake Gosling, la Sony/Atv Music Publishing, l’Atlantic Records e la Warner Bros. Sulle accuse non si sono espressi né Ed Sheeran né i suoi legali.

Thinking Out Loud, uscita nel 2004, aveva dominato le classifiche del Regno Unito ed è stata ascoltata più di un miliardo di volte su Youtube, ottenendo un enorme successo in tutto il mondo. Era stata anche premiata come canzone dell’anno ai Grammy Awards, negli Stati Uniti.

Il cantante di Sua Maestà non è nuovo a querele di questo tipo. Non molto tempo fa è stato citato in giudizio con l’accusa di aver copiato una canzone pubblicata dal vincitore di “X Factor” del 2010, Matt Cardle. La sua hit del 2014 “Photograph” avrebbe infranto il copyright perché troppo simile al brano di Cardle del 2012 “Amazing“. I legali di Candle hanno chiesto a Sheeran 20 milioni di dollari di danni.

Thinking Out Loud

Let’s Get it On

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Nascondino World Championship: a Consonno 320 giocatori si sfideranno a trovare il miglior nascondiglio

prev
Articolo Successivo

Venezia, il villaggio turistico che abbatte le barriere: “L’accessibilità è una cosa che avvantaggia tutti”

next