“Stiamo portando di fronte agli elettori una riforma costituzionale, che è una cosa enorme. Io penso che tutti insieme siamo in grado di spostare qualche punto percentuale e quindi diventeremo protagonisti di una vittoria (quella per il Sì ndr) e questo avrà anche un riflesso sulla vita politica di tutti noi. Se non riusciamo a farlo vuol dire che siamo dei rottami”. Denis Verdini, leader di Ala, chiama alla carica deputati e senatori schierati per il al referendum Costituzionale. Con il Presidente di Ala, a Montecitorio ci sono Angelino Alfano, leader di Ncd e ministro dell’Interno, Flavio Tosi a guida del movimento ‘Fare’, Giacomo Portas, deputato eletto nelle file del Pd, ma a capo del movimento ‘I Moderati’ ed Enrico Zanetti, viceministro dell’Economia e fresco dello strappo in Scelta Civica. Verdini lascia intendere quale sia il prossimo obiettivo, dopo la vittoria del Referendum, ovvero la modifica dell’Italicum: “Sì può fare solo con la forza dei numeri, e pensare che in matematica ero un po’ asino”. Verdini infatti i numeri li snocciola: “134 tra deputati e senatori che hanno sostenuto le riforme e non sono del Pd, mi sembra un numero non trascurabile. E già solo mettendo insieme solo i senatori di Ala e Scelta Civica: siamo una cinquantina. Ed allora capite bene che la cosa assume una certa importanza”.  Infatti al dì là del voto referendario, sullo sfondo già s’intravede l’approdo dei diversi gruppi e movimenti in un unico nuovo soggetto politico. Verdini non lo dice chiaramente, ma lo lascia intendere: “Se son rose fioriranno“. “Vedremo, vogliamo rappresentare ampia area di moderati che voteranno Sì al referendum, ma che non si riconoscono nel Pd. Mettiamoci alla prova” afferma Angelino Alfano. Mentre Zanetti è chiaro: “E’ inutile girarci intorno, ci deve essere l’obiettivo di un nuovo contenitore, un vero partito con un’identità”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Antimafia, bagarre tra Crocetta e Bindi: “Rapporti con Montante? Nessuno più antimafia di me”. “Non eluda domande”

next
Articolo Successivo

Rifiuti a Roma, Fortini (Ama): “Amministrazione della Raggi a rischio condizionamento”

next