I soldati turchi golpisti ammucchiati come mandrie dentro stalle o palestre ricordano le prime immagini dei musulmani rastrellati nel ’92 dai killer bosniaci di Milosevic e ora – con la cosiddetta “sospensione temporanea dei diritti umani” – arrivano le prime notizie di stupri e torture. Quando “Slobo” prese il potere all’inizio degli anni 90 , con il pretesto di difendere i serbi del Kosovo, la prima cosa che fece fu licenziare 1000 giornalisti. Erdogang sembra applicare lo stesso ‘format’.

TURCHIA-DIRITTI-UMANI--web

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giappone, strage in centro disabili: 19 morti. Azione annunciata su Twitter: “Supporto all’attentatore di Monaco”

prev
Articolo Successivo

Elezioni Usa 2016, Bernie Sanders apre la convention dem tra i fischi. Lui invita alla calma

next