“Ieri sono rimasta tutto il giorno in albergo, ma oggi sono uscita. E sono rimasta sorpresa che la città sia tornata alla normalità“. Così una turista racconta il risveglio di Nizza che, nel secondo giorno dopo la strage del 14 luglio sulla Promenade des Anglais, continua nei soccorsi ai feriti, nell’identificazione delle vittime e nello strazio dei parenti delle vittime. Ma lo choc è ancora presente nella quotidianità della località della Costa Azzurra. Un ragazzo di Nizza nota che la spiaggia è più affollata di ieri, ma un commerciante non è affatto ottimista: “Per noi la stagione è finita, non c’è più nessuno”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Turchia, le ragioni del tentativo di golpe: il malessere dell’esercito per la debole guerra a Isis. Nel silenzio della Nato

next
Articolo Successivo

Tentato golpe in Turchia, soldato rischia il linciaggio: poliziotto lo salva dalla folla

next