Sindaci e consiglieri comunali eletti alle ultime amministrative, ma anche capigruppo nei Consigli regionali e qualche parlamentare. Davide Casaleggio ha riunito tutti in un hotel a Milano per un meeting sulla comunicazione che, spiega il capogruppo in Lombardia Gianmarco Corbetta, “ci vede forti a livello nazionale e regionale, mentre a livello comunale dobbiamo migliorare”. E allora la parola chiave è “coordinamento”. Per mettere a disposizione del Movimento strumenti e contatti, presenti anche i responsabili della comunicazione in Senato e alla Camera, Rocco Casalino e Ilaria Loquenzi. Per una serie di consigli che “non sono ordini, non ne prendiamo”, precisa il consigliere regionale delle Marche Giovanni Maggi. Insomma, un incontro “per conoscersi”, come sottolineano in tanti, per parlare di Italia5Stelle, il raduno nazionale che si terrà a Palermo il 24 e 25 settembre, per “coordinare i territori superandone l’eccessiva autonomia”, e per “raccogliere suggerimenti e consigli di carattere comunicativo: come usare meglio i social, come gestire i rapporti con la stampa”. Al termine dell’incontro, durato tre ore, Davide Casaleggio si dilegua senza proferire parola, i portavoce Casalino e Loquenzi non hanno nulla da dire sulle dimissioni di Roberta Lombardi dal minidirettorio romano che assiste la Raggi, il cui portavoce, Augusto Rubei, ci suggerisce di leggere le dichiarazioni della Lombardi dalle agenzie. Anche questa è comunicazione

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ddl povertà, via libera della Camera. E’ polemica sul reddito di inclusione

prev
Articolo Successivo

Attentato Nizza, Alfano: “Solidarietà zero da islamici in carcere”. Letta: “Guerra civile”. Calderoli: “Stop a legge ius soli”

next