Dal 9 luglio, in Etiopia, Facebook, Twitter, Snapchat e tutti i principali social network sono inaccessibili.

Un provvedimento provvisorio – fino a mercoledì 13- ha spiegato il governo, dovuto alla circostanza che i social network rischierebbero di distrarre gli studenti nel periodo dei test di ingresso nelle università del Paese.

E’ la prima volta in Etiopia – che pure secondo il rapporto di Freedom House è, a tutti gli effetti, un Paese che non può considerarsi libero in fatto di Internet – che viene disposto un blocco diffuso e generalizzato all’accesso a tutti i social network.

Non sorprende, quindi, la preoccupazione degli attivisti etiopi dei diritti dell’uomo che parlano di “pericoloso precedente” e sottolineano, peraltro, come non vi sia alcuna chiarezza né trasparenza circa l’Autorità che ha disposto il provvedimento.

Si tratta, d’altra parte – e la circostanza non fa che amplificare le ragioni di preoccupazione – di un’iniziativa che ricorda, da vicino, quella assunta una manciata di settimane fa dal governo algerino che, egualmente, decise di rendere inaccessibili tutti i principali social network per evitare la circolazione di suggerimenti corretti o fuorvianti tra gli studenti impegnati nell’esame di baccalauréat.

La scelta del governo di Algeri sembra aver ispirato quella del governo etiope anche se la giustificazione ufficiale è leggermente diversa: i social distrarrebbero gli studenti in un momento tanto importante.

Ma giustificazioni ufficiali a parte, il profilo più allarmante della questione è un altro: sembra diffondersi sempre di più la convinzione che bloccare alcuni servizi di comunicazione elettronica come quelli che corrono lungo le reti sociali possa considerarsi giuridicamente legittimo e democraticamente sostenibile solo perché tecnologicamente possibile.

E’ uno scenario di inaudita gravità specie mentre si va incontro all’era dell’internet delle cose nella quale, con miliardi di oggetti intelligenti e connessi in giro per il mondo, l’ambito del tecnicamente possibile è destinato a crescere a dismisura: spegnere il motore di un auto in corsa o limitarne da remoto la velocità, oscurare lo schermo di un televisore o impedire a un frigorifero di ordinare certi prodotti sarà questione solo di un click.

La decisione del governo etiope lascia senza parole per l’apparente leggerezza con la quale è stata assunta: chiudere tutti i social network in un intero Paese solo perché il loro uso distrarrebbe i ragazzi impegnati nei test di ingresso all’Università.

E pensare che solo la scorsa settimana le Nazioni unite hanno ribadito che l’accesso ad Internet è un diritto fondamentale dell’uomo.

Evidentemente, in questa direzione, c’è ancora tanta strada da fare.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

Sud Sudan, riprendono gli scontri: almeno 272 morti, ucciso anche un casco blu cinese. Civili in fuga dalla capitale

next
Articolo Successivo

Londra, May sarà premier e leader Tory. Mercoledì si insedierà a Downing Street: “Brexit sarà un successo, Paese va unito”

next