Aperture straordinarie di aree di solito chiuse al pubblico e, domenica, ingressi gratuiti in tutti i musei italiani. Per il prossimo fine settimana il ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo ha indetto la prima edizione della Festa dei musei. L’iniziativa, organizzata in occasione della conferenza dell’International Council of Museum che per la prima volta si terrà a Milano, prevede anche sabato sera un’apertura serale (in alcuni casi fino alle 22:30, in altri fino a mezzanotte) al costo simbolico di 1 euro. La prima mattinata di sabato, dalle 9 alle 14, sarà dedicata a famiglie e bambini, il pomeriggio, dalle 14 alle 19, ai curiosi e appassionati, la sera al grande pubblico.

Hanno aderito all’apertura straordinaria serale, tra gli altri, in Campania gli scavi di Ercolano e Pompei, l’Anfiteatro Flavio di Napoli e la Certosa di San Giacomo a Capri, a Roma Castel Sant’Angelo, il museo nazionale Etrusco di Villa Giulia e Castel Sant’Angelo, il Pantheon e Galleria Spada, a Milano il Cenacolo vinciano, a Torino i Musei reali, a Firenze il Museo Nazionale del Bargello, a Venezia le Gallerie dell’Accademia. L’elenco dei luoghi statali che hanno aderito all’apertura straordinaria, con relativi orari, è su www.beniculturali.it.

Gli Uffizi sabato sera saranno chiusi per carenza di personale, ma in via straordinaria sara visitabile l’ex-Chiesa di San Pier Scheraggio, sempre nel complesso vasariano, in versione notturna, anticipando al sabato sera la gratuita. Inoltre, sia nella Galleria degli Uffizi, sia in Palazzo Pitti e nel Giardino di Boboli, durante l’intero weekend saranno in programma varie iniziative.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

The Floating Piers di Christo, un’esperienza tattile

prev
Articolo Successivo

‘I miei premi’ di Thomas Bernhard, l’insensato mondo dei riconoscimenti letterari

next