Cameron è il grande sconfitto e ha messo anche a rischio il destino del proprio popolo e quello degli altri. Ha fatto una scommessa irresponsabile e l’ha persa. Ha fatto male, malissimo a perdere. Un politico che non conosce il suo Paese non è degno di governare“. E’ la tagliente critica che il sottosegretario allo Sviluppo economico, Ivan Scalfarotto, pronuncia sul premier britannico dimissionario, David Cameron, nel corso di Omnibus (La7). “Cameron” – continua – “esce come una figura devastata. Politicamente è uno che ha trovato il suo posto nella storia per una sconfitta epocale. E’ una figura crepuscolare e sbiadita di un uomo sconfitto completamente. Ha fatto malissimo e ha perso. L’unica cosa buona che ha fatto è dimettersi. Questo fa effettivamente un leader serio. Quando il popolo non lo segue più, ha il dovere di dimettersi“. Il deputato Pd poi esprime la sua preoccupazione sull’esito di Brexit: “Ora c’è uno scenario completamente nuovo, si chiude un periodo di 70 anni di pace nel nostro continente. Oggi è la sconfitta della mia generazione”. E ricorda la deputata laburista Jo Cox, uccisa pochi giorni fa: “Il suo sacrificio è stato inutile, orribilmente inutile

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Tremonti vs Monti, che poi mortifica Mentana: “Non sapevo facesse entertainment”

prev
Articolo Successivo

La7, lunedì riparte In Onda. Labate e Parenzo: “Titolo della prima? Stiamo pensando a ‘Renxit'”

next