Il premier Matteo Renzi, in un intervento sul quotidiano britannico The Guardian, ha lanciato un appello esortando gli elettori inglesi a non fare “la scelta sbagliata” al momento del voto sulla Brexit, giovedì 23 giugno: “Visto dall’Italia, un voto in favore dell’uscita dall’Europa non sarebbe un disastro, una tragedia o la fine del mondo per voi nel Regno Unito. Sarebbe peggio, perché sarebbe la scelta sbagliata. Lo sbaglio per il quale soprattutto voi, gli elettori, ne paghereste il prezzo. Chi vuole veramente che la Gran Bretagna sia piccola e isolata?”.

“Se c’è una cosa che i britannici non hanno mai fatto davanti a una sfida che riguarda il loro futuro, la loro stessa identità, è fare la scelta sbagliata – prosegue Renzi – una Gran Bretagna meno grande di quella che è andrebbe contro la stessa logica di coloro che vogliono uscire. Si scambierebbe l’autonomia per la solitudine, l’orgoglio per la debolezza e l’identità per l’autolesionismo“.

“L’Unione Europea non è solo la risposta pacifica a secoli di guerre nel nostro continente – prosegue il capo del governo italiano – anche uno strumento, uno che può essere migliorato per trasformare la nostra fragilità individuale in una forza comune. Il problema non è che lo fa troppo, ma che lo fa troppo poco, che i singoli Paesi sono troppo spesso lasciati soli a risolvere i propri problemi”.

“Siamo confrontati a sfide di enorme portata”, scrive ancora Renzi, “finanziarie ed economiche”, “sociali”. Sfide per la sicurezza, con le “minacce terroristiche”, “demografiche” e “politiche”. “Allora non fatelo per noi. Siamo felici di stare nell’Unione con voi. Fatelo piuttosto per voi stessi“. “Noi europei rispetteremo la vostra voce, la vostra scelta, la vostra decisione. Ma questa scelta non è mai stata un tirarsi indietro o arretrare”.

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Francia, Parigi vieta manifestazione contro riforma del lavoro. Poi l’accordo con i sindacati: “Corteo ridotto”

next
Articolo Successivo

Brexit, Farage: ‘Verso Indipendence day’. Cameron: ‘Assurdo, Paese è già sovrano’. Juncker: ‘Se uscite no a nuovi negoziati’

next