Mentre prendeva parte al Roma Pride, il corteo per l’orgoglio omosessuale che è partito alle 16.00 da piazza Repubblica per dirigersi verso piazza Venezia, Vladimir Luxuria si è lanciata contro una trans “crocifissa” a una croce di cartone con la quale sfilava. “Ma basta”, ha gridato Luxuria cercando di avvicinarsi alla trans mentre qualcuno la tratteneva. “Vengono qui con costumi che offendono la sensibilità religiosa delle persone, per ottenere rispetto dobbiamo nutrirlo”. E ancora: “L’obiettivo di oggi è festeggiare una legge che abbiamo ottenuto, e a lottare per un’altra legge, quella sulla genitorialità“. Lo slogan del Pride di quest’anno, scritto su uno striscione sul grande bus a due piani che apre il corteo, è “Chi non si accontenta lotta“.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lana insanguinata, pecore ferite e prese a calci. PETA: “Ecco cosa importiamo dal Cile”

next
Articolo Successivo

Gay Pride a Roma, “Unioni civili? Non basta”. Ecco l’agenda della battaglia lgbt

next