Adozione, matrimonio egualitario, legge contro l’omofobia. Sono alcune delle rivendicazioni raccolte tra le tante voci che hanno animato il Roma Pride, il corteo dell’orgoglio lgbt che alle 16.00 è partito da piazza della Repubblica per dirigersi verso piazza Venezia. Slogan della manifestazione di quest’anno, la prima dopo l’approvazione della legge sulle Unioni civili, è “Chi non si accontenta lotta“, a dimostrazione del fatto che le nuove norme vengono considerate solo un primo, importante passo verso il pieno riconoscimento dei diritti. Nell’agenda delle battaglie lgbt è compresa la tanto discussa stepchild adoption, che all’ultimo momento è stata stralciata dal testo di legge approvato in Parlamento. “Ma il Pride non si ferma a Roma. Il 25 giugno – annuncia il Gay Center – saremo a Latina per il Lazio Pride per manifestare anche contro l’appello anti-gay firmato da alcuni candidati locali che vogliono fermare il contrasto all’omofobia nelle scuole e nel comune laziale”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: il tuo contributo è fondamentale

Il tuo sostegno ci aiuta a garantire la nostra indipendenza e ci permette di continuare a produrre un giornalismo online di qualità e aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per il nostro futuro.
Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Pride a Roma, Luxuria sbotta contro la trans: “Via quella croce, è offensivo”. La fermano

next
Articolo Successivo

Roma Pride 2016, bene drag queen e tette finte. Ma la gay community è varia e libera

next