Uno è giudice di X Factor, l’altro è stato coach di The Voice e ha guidato, con Nek, una delle due squadre del serale di Amici. Fedez e J-Ax sono ormai esperti di talent show televisivi e dicono la loro su un fenomeno molto seguito ma anche molto criticato dai “puristi”.

“Io ho cambiato idea nel tempo, – dice J-Ax – soprattutto quando ho visto che dai talent usciva gente come Giusy Ferreri, Marco Mengoni, Noemi, Emma Marrone, Alessandra Amoroso e i The Kolors. Questo perché i talent sono cambiati: prima erano più autoreferenziali, ora guardano al mercato discografico”.

“Noi andiamo lì a fare musica – aggiunge Fedez – quindi è del tutto coerente con quello che facciamo nella vita. La verità è che si può fare bene e si può fare del bene ai ragazzi che partecipano, soprattutto se vengono seguiti come si deve alla fine del programma”.

di Domenico Naso e Alessandro Madron

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

X Factor, Amici e (il fallimentare) The Voice: la rivalutazione dei talent show ai tempi della ‘musica liquida’

prev
Articolo Successivo

Sky Academy, sabato in onda l’incontro milanese con Nicolas Winding Refn

next