di Carblogger

La app mytaxi, nata in Germania nel 2009 nello stesso anno di Uber in California e passata nel 2014 sotto le bandiere di Daimler, è attiva anche a Roma, dopo l’esordio italiano a Milano l’anno scorso e operativa in altre 40 città d’Europa. Mytaxi funziona con tassisti pubblici, svincolati da centrali e cooperative, iscritti alla applicazione: lavorano su chiamata, attraverso l’app scaricata su uno smartphone. Pagamento con carta, voto al servizio, preventivo (stimato) del costo, possibilità di contattare telefonicamente il tassista, localizzazione sulla mappa. Campagna acquisti e promozioni in corso.

Mytaxi funziona come Uber, con la differenza non da poco che il primo resta servizio pubblico, il secondo è privato e svolto da autisti professionisti, ma anche da semplici cittadini nella versione più economica, la Pop. Due motivi dichiarati per cui i tassisti fanno la guerra a Uber nel mondo, oltre a una evidente allergia per la concorrenza e a una umanamente comprensibile difesa del posto di lavoro.

La app mytaxi è un’altra cosa. Si basa sul servizio pubblico, che significa o dovrebbe significare avere più controlli e un lavoro più regolato. Il tassista che aderisce all’app non diventa un imprenditore di se stesso – che più sta in strada e più guadagna con tutto ciò che la cosa comporta, anche rispettando la legge – ma resta in un lavoro regolato appunto dalla mano pubblica.

Non sono contrario a Uber e alle nuove forme di mobilità (condivisa, sostenibile e integrata che siano), anzi. Ma la valenza pubblica di mytaxi, società privata, è per me un plus.

@carblogger_it

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ferrari, Sergio Marchionne assume il ruolo di amministratore delegato. E resta presidente

next
Articolo Successivo

Car hacking, disattivare gli antifurti è sempre più facile

next