L’ex portiere del Napoli Pino Taglialatela è accusato dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli di essere “partecipe” di associazione di stampo mafioso. L’addebito è stato mosso all’ex calciatore nell’udienza di un processo in cui Taglialatela, portiere del Napoli Calcio per cinque stagioni a partire dal 1993, era già accusato di intestazione fittizia di alcuni autoveicoli. Come riferito dal quotidiano Metropolis di Napoli, la modifica e aggravamento dell’accusa deriva da informative della Guardia di Finanza secondo le quali Taglialatela sarebbe stato una “testa di legno” di un presunto affiliato a un clan di camorra, Mauro Moraca, che aveva in uso alcuni veicoli intestati all’ex calciatore.

Secondo l’avvocato Giuseppe Pellegrino, difensore di Moraca, i veicoli erano intestati a Taglialatela solo per beneficiare del fatto che lui è residente nell’isola di Ischia. Il processo, in corso davanti alla quarta sezione penale del Tribunale di Napoli, proseguirà il prossimo primo luglio “e spero – dichiara l’avv. Pellegrino – come difensore e come tifoso del Napoli, che la sentenza sancisca la totale estraneità di Taglialatela a ogni accusa”.

Negli ultimi anni, Taglialatela ha allenato i portieri dell’Ischia Isolaverde. Il 2 luglio 2014 è diventato presidente della stessa società, carica lasciata il 28 ottobre 2014.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Thyssenkrupp, non fu tragica fatalità

prev
Articolo Successivo

Eni, verso chiusura l’indagine su presunto complotto contro vertici azienda

next