“Abbiamo seguito Lucia in tutte le sue tappe difficili, sia a Pesaro che in Ancona. Non potevamo lasciarla sola in questo momento”. Lo afferma una rappresentante del comitato di donne “Io sto con Lucia Annibali“, che questa mattina, davanti alla Corte di Cassazione di Roma, hanno atteso l’avvocatessa vittima dell’aggressione con l’acido avvenuta a Pesaro il 16 aprile 2013, in attesa della sentenza definitiva a carico del mandante, Luca Varani, suo ex amante, che stabilirà se confermare o no i vent’anni di pena riconosciuti nei precedenti gradi di giudizio. “È la fase finale, da oggi speriamo che lei possa riprendersi la sua vita appieno, perché il motto ‘Stop femminicidio‘ per noi è Lucia e tutte quelle donne che non riescono ad avere parola e anche un monito alla giustizia che riconosca la violenza di genere e tutti devono tenerne conto”

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Sfregiata con acido, Annibali: ‘Spero oggi sia la fine, emozionata. Poi penseremo al futuro’

next
Articolo Successivo

Giustizia, il diritto di esternare dei magistrati

next