Compleanno con record. Non è da tutti, ma quando i chiami Golf GTI e festeggi i tuoi primi quarant’anni puoi permetterti anche questo. Soprattutto puoi permetterti di andare sulla Nordschleife del circuito tedesco più famoso e staccare un tempo record sul giro per vetture di serie a trazione anteriore fermando il cronometro sui 07:49:21.

Lo puoi fare se sei la versione “cattiva” della berlina compatta più venduta di sempre in Europa, e se per l’occasione ti presenti in una variante inedita prodotta in soli 400 esemplari, che si chiama Clubsport S e ha 310 cavalli sotto al cofano che ti fanno volare da zero a cento orari in meno di sei secondi (5,8). Anche perché ha tre porte ma solo due posti, perché quelli posteriori li hanno eliminati per risparmiare peso: è di 1.350 chili, quello totale, il che significa un rapporto peso/potenza di 4,15 kg per cavallo. Una roba da sportive, insomma.

Ovviamente, nei vari tentativi di battere il record, il settaggio della Golf GTI Clubsport S è stato ritarato e configurato per poter affrontare l’impegno. Al punto da essere ribattezzato proprio “Nurburgring”, e richiamato selezionandolo dai vari profili di guida. Una volta inserito, cambia tutto: risposta del motore e dello sterzo, così come il suono degli scarichi e le performance. Ma solo per quei fortunati che avranno nell’abitacolo un badge numerato, che va da 1 a 400. Gli altri dovranno accontentarsi del video qui sotto.

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Fiat Tipo, debuttano la 5 porte e la station wagon. Per il battesimo su strada c’è anche Sergio Marchionne – FOTO e VIDEO

next
Articolo Successivo

Panamera wagon, dopo gli sport utility Porsche apre anche alle familiari – FOTO

next