Sergio Marchionne, già presidente di Ferrari, ora assume anche il ruolo di amministratore delegato. Il manager italo-canadese prende il posto di Amedeo Felisa, che ha deciso di ritirarsi dall’incarico dopo 26 anni di impegno al servizio della società. Felisa continuerà a far parte del consiglio d’amministrazione di Ferrari con l’incarico specifico di consigliere tecnico.

“Conosco Amedeo da più di un decennio e ho avuto l’opportunità di lavorare a stretto contatto con lui negli ultimi due anni – ha commentato Marchionne – E’ senza alcun dubbio uno dei migliori ingegneri automobilistici nel mondo. Nel corso degli ultimi 26 anni ha lavorato instancabilmente alla guida dello sviluppo tecnico della Ferrari, producendo una serie di autovetture che hanno fissato gli standard sia per prestazione che per stile”. Il cda esprime in una nota “ufficialmente la sua gratitudine ad Amedeo per il suo contributo ed è lieto di poter contare per il futuro sul suo contributo quale consigliere tecnico del top management”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vespa, quei viaggi a 70 all’ora in sella alla sorella minore PX

next
Articolo Successivo

Car sharing, il servizio pubblico di mytaxi

next