#politicatrentina: lungimirante e acuta decisione in Trentino Alto Adige: staffetta alla presidenza A22! Metà a ti e metà a mi (dialetto trentino)! Spartizione di poltrone tra Patt (Partito Autonomista Trentino Tirolese) e Pd! Ecco la nuova politica che avanza dal Trentino; e poi mi parlano di voler salvaguardare l’autonomia! E poi mi dicono che questi politici che ci governano sono quelli che tutelano l’autonomia!!! Quale autonomia? Quella del poltronismo? E allora dove sta la differenza tra la politica nazionale che tipicamente distribuisce poltrone per sistemare amici degli amici e la nostra politica autonomista d’avanguardia? Dove sta il progetto politico?

Trentino

Qualcuno mi spiega per favore? Perché non capisco il senso di queste scelte. Non capisco perché, in questo periodo dove la politica come non mai è vista male, come un “palazzo del potere occulto”, si continui ad operare scelte di spartizione di “cadreghe” senza rispetto per un minimo di decenza! Ben felice di aver lasciato partiti e logiche di spartizioni! Non mi riconosco per nulla in queste politiche spartitorie del potere e degli affari!

Ho un difetto (uno dei tanti per la verità…): contrariamente a molti italiani/trentini che hanno la memoria cortissima al momento delle elezioni, io ho la fortuna di avere un’ottima memoria! E me ne ricorderò al momento del voto, poiché sarò uno dei pochi che andranno a votare, questo sì; non so per chi voterò, ma so già chi non voterò (partiti e nomi inclusi). Vergogna, vergogna, vergogna! Questa non è politica degli interessi comuni, questa è pura spartizione di poltrone!

 

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Nomine sicurezza, Gabrielli in pole per la Polizia e Toschi per la Guardia di Finanza. Slitta l’incarico a Carrai

next
Articolo Successivo

Ragusa, consigliera grillina inneggia al fascismo su Facebook. M5s: “Espulsa. Ci dissociamo”

next