Una donna kamikaze di 25 anni si è fatta esplodere nel pomeriggio nei pressi della centrale moschea Ulu a Bursa, nel nord-ovest della Turchia. L’ufficio del governatore ha confermato la notizia e a riportarlo per prima è stata la Cnn Turk. La ragazza che si è fatta esplodere è morta, mentre altre 13 persone sono rimaste ferite in modo lieve.

Secondo il quotidiano Sabah, che cita fonti della polizia, l’ordigno che la donna portava addosso è esploso prima del previsto, limitando i danni e le vittime. Non è chiaro se l’attentatrice sia l’unica vittima. In un primo momento la tv statale Trt aveva parlato di una fuga di gas.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Regeni, 15 giorni di proroga per il fermo del consulente. Egitto: “Il suo arresto non c’entra col caso di Giulio”

next
Articolo Successivo

Venezuela, dipendenti pubblici lavoreranno solo due giorni a settimana per risparmiare energia

next