Nulla è cambiato rispetto al passato. La casta politica è allergica al controllo di legalità. L’unica supremazia esistente è quella della legge. Quando le indagini interessano personaggi politici di primo piano, si assiste sempre alla scomposta reazione di quella parte politica“. E’ duro il giudizio di Antonio Esposito, giudice da pochi mesi in pensione e che ha presieduto il collegio di Cassazione che ha condannato in via definitiva Silvio Berlusconi nel processo Mediaset, sulle polemiche recenti sollevate dal premier Matteo Renzi contro i magistrati. Il giudice, intervistato da ilfattoquotidiano.it, chiarisce che nulla è cambiato dalla stagione berlusconiana a quella dei rottamatori e affronta anche il caso dei tempi lunghi dei processi. Esposito, che fu al centro di attacchi per l’intervista che rilasciò prima del deposito delle motivazioni della sentenza a carico di Berlusconi, interviene anche sul tema delle intercettazioni: “Temo che questa volta la norma sul bavaglio sarà approvatamontaggio di Paolo Dimalio

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Davigo, toghe divise. Bruti: “Anm non esca dal ruolo”, Cantone “Mani pulite non sradicò tangenti”

next
Articolo Successivo

Giulio Regeni, lo striscione in campo per chiedere giustizia

next