TRUMAN di Cesc Gay (Spagna/Argentina, 2015) con Ricardo Darìn e Javier Camàra Durata: 108’ Voto: 4/5

L’amicizia vera non conosce ostacoli: quando scopre che Juliàn ha deciso di interrompere la chemio, Tomàs prende il primo volo dal Canada a Madrid per visitare l’amico ammalato. Questi non è disposto a cambiare idea ed anzi, approfitta della visita di quattro giorni dell’amico per “preparare” la propria fine. La sua preoccupazione principale, almeno in apparenza, è trovare una nuova famiglia per l’adorato Truman, il vecchio cane che considera come un figlio.

Delicatissimo e profondo film sull’amicizia maiuscola, Truman è un piccolo prodigio che erroneamente andrebbe considerato sotto l’etichetta dei “cancer movie”. Di fatto non è un film sulla malattia bensì sul senso di un rapporto d’amicizia autentico, che neppure l’oceano riesce a scalfire. Pudico e trattenuto, non sembra un film spagnolo nel senso “esuberante” del termine benché abbia sbancato gli ultimi premi Goya (gli Oscar iberici) con ben cinque premi: miglior film, regia, sceneggiatura e miglior attore protagonista e non, assegnati rispettivamente all’argentino Ricardo Darìn (Il segreto dei suoi occhi) e allo spagnolo Javier Camàra (Parla con lei), entrambi straordinari. (AMP)

INDIETRO

Film in uscita, cosa vedere (e non) al cinema nel week end del 23 e 24 aprile

AVANTI
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

William Shakespeare on screen, a Milano i film ispirati o tratti dalle opere del genio inglese

next
Articolo Successivo

Bennett Omalu e Fritz Bauer: le storie vere di due uomini ligi al dovere

next