“Questa volta è complicato, bisogna studiare per capire, ma andrò a votare per tre motivi“. Il monologo di Maurizio Crozza nel suo Paese delle Meraviglie (La7) è dedicato al referendum sulle trivelle del 17 aprile. “Una cosa è certa – dice Crozza – qualunque cosa io abbia deciso comunque vado a votare per tre motivi. Primo: è un mio diritto. Secondo: è un mio dovere. Terzo: Renzi ha detto di non farlo“. “Ma perché questo referendum fa così paura?”, si chiede il comico genovese che aggiunge: “Perché ci si è messo anche Napolitano, il nostro Presidente emerito. Come se Ratzinger, il Papa emerito, invitasse a non andare a messa”

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Nella terra dei merli: Kosovo tra passato e futuro”, docufilm di Sky dedicato ai soldati italiani

next
Articolo Successivo

Crozza-Renzi: “Onoriamo Santa Boschi da Arezzo, beata del Pd sposa e gran badessa delle riforme”

next