Ci sono anche due italiani tra le 5 persone che si stanno ancora cercando sotto le macerie di una palazzina di 4 piani crollata ieri, 14 aprile, a Tenerife, alle isole Canarie, in Spagna. A riferirlo all’Ansa sono fonti del ministero degli Esteri italiano. Secondo la Farnesina un terzo italiano di 28 anni è rimasto ferito lievemente. Secondo quanto raccontano le fonti locali sono morte due donne e sono rimaste ferite in tutto tre persone. Il crollo è avvenuto intorno alle 9,30 della mattina di giovedì. La palazzina si trova a Los Cristianos, nel municipio di Arona, una zona turistica in cui i proprietari non vivono in modo permanente negli appartamenti. Anche per questo motivo non si sa quante persone di preciso fossero nello stabile al momento del crollo. 

Il sindaco di Arona, José Julián Mena, citato dal Paìs, ha spiegato che una settima fa si erano realizzati alcuni lavori in un locale commerciale al pian terreno, anche se “è presto per determinare che questa sia la causa del crollo”. Altri testimoni, infatti, raccontano che prima che l’edificio venisse giù si è sentita un’esplosione e soprattutto odore di gas. Intanto le palazzine intorno sono state evacuate per precauzione. Nelle ricerche coordinate dalla Unidad militar de emergencias sono impegnati una trentina di uomini e 5 cani specializzati nella ricerca e nel recupero tra le macerie.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Germania, Merkel si inchina alla Turchia: “Ok al processo contro il comico che fece satira su Erdogan”

next
Articolo Successivo

Terremoto Giappone: sale a 41 il numero delle vittime. Sono 90.000 le persone evacuate, mille gli edifici danneggiati

next